domenica delle palme

BENEDICI O SIGNORE(Gen Rosso)

AFORISMI DEL SIGNORE

sabato 16 luglio 2016

"MARIA HA SCELTO LA PARTE MIGLIORE CHE NON LE SARA' TOLTA" XVI^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C LETTURE: Gn 18, 1-10; Sal 14; Col 1, 24-28; Lc 10, 38-42




Liturgia di

Domenica 17 Luglio 2016



XVI^ DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 

ANNO C



  
LETTURE: 


Gn 18, 1-10Sal 14; Col 1, 24-28Lc 10, 38-42
Antifona d'ingresso  Sal 53,6.8
Ecco, Dio viene in mio aiuto,
il Signore sostiene l'anima mia.
A te con gioia offrirò sacrifici
e loderò il tuo nome, Signore, perché sei buono.









LITURGIA DELLA PAROLA




 
 


PRIMA LETTURA

   Gn 18, 1-10
Signore, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo.
Dal libro della Gènesi.

In quei giorni, il Signore apparve ad Abramo alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno.
Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall’ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passare oltre senza fermarti dal tuo servo. Si vada a prendere un po’ d’acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l’albero. Andrò a prendere un boccone di pane e ristoratevi; dopo potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa’ pure come hai detto».
Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: «Presto, tre sea di fior di farina, impastala e fanne focacce». All’armento corse lui stesso, Abramo; prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. Prese panna e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse loro. Così, mentre egli stava in piedi presso di loro sotto l’albero, quelli mangiarono.
Poi gli dissero: «Dov’è Sara, tua moglie?». Rispose: «È là nella tenda». Riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio».


C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.  


Salmo Responsoriale Dal Salmo 14

Chi teme il Signore, abiterà nella sua tenda.
Colui che cammina senza colpa,
pratica la giustizia
e dice la verità che ha nel cuore,
non sparge calunnie con la sua lingua.

Non fa danno al suo prossimo
e non lancia insulti al suo vicino.
Ai suoi occhi è spregevole il malvagio,
ma onora chi teme il Signore.

Non presta il suo denaro a usura
e non accetta doni contro l’innocente.
Colui che agisce in questo modo
resterà saldo per sempre.
 


SECONDA LETTURA Col 1, 24-28
Il mistero nascosto da secoli, ora è manifestato ai santi.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossèsi.
Fratelli, sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi e do compimento a ciò che, dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa.
Di essa sono diventato ministro, secondo la missione affidatami da Dio verso di voi di portare a compimento la parola di Dio, il mistero nascosto da secoli e da generazioni, ma ora manifestato ai suoi santi.
A loro Dio volle far conoscere la gloriosa ricchezza di questo mistero in mezzo alle genti: Cristo in voi, speranza della gloria. È lui infatti che noi annunciamo, ammonendo ogni uomo e istruendo ciascuno con ogni sapienza, per rendere ogni uomo perfetto in Cristo.
 

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.  




ACCLAMAZIONE AL VANGELO
(Lc 8,15)

Alleluia, alleluia.
Beati coloro che custodiscono 
la parola di Dio
con cuore integro e buono, 
e producono frutto con perseveranza.

Alleluia.






PROCLAMAZIONE DEL VANGELO





  Dal VANGELO secondo LUCA 

Lc 10, 38-42
Marta lo ospitò. Maria ha scelto la parte migliore.
In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».
  
 



C: Parola di Dio.

A: Rendiamo grazie a Dio.




«Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».  


PENSIERO DELLA DOMENICA

a cura di Don Lucio Luzzi



XVI Domenica T.O./C 17 Luglio 2016- Beati noi se sapremo accogliere la Parola di Dio



XVI Domenica T.O./C

Image

17 Luglio 2016-

Beati noi se sapremo accogliere la Parola di Dio
 La liturgia di questa domenica XVI del TO. ci offre utili riflessioni sul tema della accoglienza. Ci presenta Abramo, perfetto modello della ospitalita’, per la premura e la generosità con la quale  accolse i tre misteriosi ospiti, che lui riconosce come presenza di Dio, comportandosi  esemplarmente di conseguenza. 
 
Poi nel brano di Luca, per noi più adatto, Gesù si trova in viaggio verso Gerusalemme e fa sosta  nel villaggio di Betania, sulle pendici orientali del monte degli ulivi.
 E’ il villaggio delle due sorelle   Maria e Marta e del fratello Lazzaro. 

Image

MARTA, nome aramaico che vuole dire " signora- padrona";  essendo presumibilmente la più anziana dei tre, era effettivamente responsabile della casa. Non   aveva marito, perché altrimenti sarebbe toccato a lui ricevere Gesù. "Essa aveva una sorella, di nome Maria”. 
MARIA, e Maria Maddalena, una delle pie donne che seguivano Gesù, forse l’antica peccatrice convertita. "Sedutasi ai piedi di Gesù, ascoltava la sua parola”. Sedeva a terra, secondo il modo consueto di stare ai piedi dei maestri. 

Si rivede l’infiammato e devoto amore della peccatrice convertita, di colei che seguiva Gesù, che starà sul calvario, che comprerà gli aromi, che correrà presto al sepolcro, che incontrerà per prima il Risorto; essa e sempre ai piedi di Gesù.
Image
 Marta invece l era in faccende per dare degna ospitalità a Gesù  e per preparare la mensa. Con qualche venatura   forse di risentimento, di zitella buona e volenterosa, ma un po’ bisbetica, nella semplicità della sua confidenza essa fa quasi un rimprovero anche a Gesù:"..Signore, non ti curi che mia sorella mi ha lasciata sola a servire?". . .dille dunque che mi aiuti..
ma Gesù le rispose. . .Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola e la cosa di cui c’e bisogno: Maria si e scelta la parte migliore che non le sarà tolta". Ecco il grande insegnamento del Messia, che ci indica sempre l’essenziale, la vera strada da seguire. 
Image

Io quanto mi raffiguro in Marta! Sempre indaffarato, mille  cose da fare, il tempo che non basta mai; e invece di concludere la giornata col dire:.."sono un servo t ` inutile..", comincio a pensare, a recriminare, faccio anche l’offeso, sono insoddisfatto e deluso per non avere riconoscimento e gratitudine..

 E tu? Nella tue condizioni di famiglia, di lavoro, di  impegni, di svago. .quanto e difficile trovare uno spazio per mettersi ai piedi di Gesù, per ascoltare  le sue parole di vita, per riprendere coraggio,forza, impegno, entusiasmo.

Solo Lui può riempire il vuoto che inevitabilmente si crea nel tuo cuore, nelle tante vicissitudini quotidiane. Pensa quanto  siamo assurdi quando diciamo:".. ho tante cose da fare, non ho tempo di pensare a Dio. .. ma so che soltanto con Lui potrei risolvere i miei problemi! . ..

 Signore`Gesù, noi riempiamo la nostra vita di molte cose e finiamo con il dimenticare Te. Non siamo capaci di fare silenzio e la tua parola si  perde in mezzo al frastuono. Siamo troppo affannati e non sappiamo distinguere ciò che conta veramente. Abbi misericordia di noi e perdona i nostri peccati.
Don Lucio Luzzi


Image